Approvato il calendario scolastico 2015/16

Il calendario proposto approvato dalla Giunta regionale con DGR n 23-7290 del 24-3-2015, è stato modificato con DGR n 19- 1293 in data 8 aprile 2015
Link all'articolo con calendario modificato  Calendario scolastico 2015/16

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
COMUNICATO delle GIUNTA REGIONALE DEL PIEMONTE - Torino, 6 marzo 2015 
Via libera dalla Conferenza regionale per il diritto allo studio, questa mattina a Torino, al calendario scolastico 2015/2016.  
Garantiti 208 giorni di lezione per la scuola primaria e secondaria di 1° e 2°grado e 223 per la scuola dell’infanzia, che partiranno lunedì 14 settembre per concludersi giovedì 9 giugno nelle scuole primarie e secondarie di I e II grado e il 30 giugno nelle scuole dell’infanzia. Sempre nel pieno rispetto del minimo di 200 giornate di attività didattica previste per legge, è possibile che possano ridursi di una nel caso in cui la ricorrenza del Santo patrono cada in un giorno nel quale siano previste le lezioni. 
 
Il primo stop sarà in corrispondenza delle vacanze di Natale, che cominceranno mercoledì 23 dicembre per finire mercoledì 6 gennaio. Alunni a casa anche il 15 e 16 febbraio per il Carnevale (modificato  da successiva delibera regionale  in 7-8 febbraio. NdR) e da giovedì 24 a martedì 29 marzo per le vacanze di Pasqua. Scuole chiuse anche lunedì 25 aprile per l’anniversario della Liberazione e giovedì 2 giugno per la Festa della Repubblica. Un ponte è previsto il 7 dicembre in occasione della festa dell’Immacolata. Cadranno invece di domenica sia il 1° novembre che il 1° maggio.  
“Ciò che si chiede alle scuole - dichiara l’assessore regionale all’Istruzione, Gianna Pentenero - è uniformità nel rispetto del calendario in maniera da non creare disagi alle famiglie. Concederemo comunque ai singoli istituti di poter gestire in modo autonomo un giorno di festività. Piccole variazioni, sì, ma sempre nel rispetto dell'ampliamento dell'offerta formativa”.  ( dal sito PIEMONTE INFORMA - Agenzia della GIUNTA REGIONALE del PIEMONTE")