SMS REFRANCORE - Tutti al Salone del libro!

Lunedì 16 maggio 2016, le classi IA, IIA, IIIA e IIIB della scuola Maggiora Vergano di Refrancore sono andate al Salone del Libro di Torino. La mattinata è stata ricca di incontri: la classe IA e IIA hanno partecipato all'incontro "Da Berlin a Human: il domani che verrà?" con Fabio Geda, Marco Magnone e Tommaso Percivale. Il tema del futuro già presente, fatto di tecnologie che si fondono con il nostro corpo e di un passato alternativo, in cui un virus mortale ha fatto scomparire gli adulti, ha entusiasmato i ragazzi!
Nello stesso momento, gli allievi delle classi IIIA e IIIB hanno assistito alla presentazione de "La leggenda di Zumbi" con Fabio Stassi e Federico Appel, ambientata in Brasile nel XVII secolo, al tempo di colonialisti e di schiavisti. Zumbi, il guerriero leggendario che si ribella e guida gli schiavi brasiliani nella rivolta contro l'esercito portoghese, ha riscoperto ancora una volta il valore della lotta per la libertà contro l'ingiustizia.

   


     

Nel pomeriggio, dalle ore 17.00 alle ore 18.30, gli alunni della classe IIIB hanno presentato allo STAND MIUR il progetto "Literature in love", legato al CLIL in PIEMONTE, svolto a scuola con la prof.ssa di inglese Tiziana Baeli e la prof.ssa di italiano Silvia Alessio. Il lavoro finale è un blog, visionabile al seguente indirizzo: http://literatureinloverefrancore.blogspot.it
La prof.ssa Baeli ha brevemente riassunto il motivo del progetto: "Per motivare gli studenti e assicurarci il loro coinvolgimento e la loro partecipazione, abbiamo voluto raccontare la storia tra Troilo e Cressida dal punto di vista del sentimento che (non) li univa. Consapevoli del fatto che, considerata l’età dei nostri studenti, si tratta di un argomento che suscita curiosità e che innesca la volontà di comunicare e condividere particolari stati d’animo ed esperienze che si vivono, si stanno vivendo o si sono vissute. Abbiamo così creato un Blog, in cui i nostri ragazzi, sotto le mentite spoglie di Troilo, Cressida, Pandarus, Diomede, ecc, hanno espresso il loro modo di pensare all’amore, all’amicizia, alla fedeltà, alla famiglia, nel modo social a cui sono abituati, ma a scuola, in gruppo, con il confronto e…in lingua inglese."
L'alunna Carlotta Gatti ha esposto anche il punto di vista dei ragazzi: tutti molto felici dell'esperienza! La classe ha osservato e analizzato attraverso due personaggi dell’Iliade - ripensati e rivisti successivamente nelle opere di Boccaccio, Chaucer e Shakespeare - l’evoluzione del mito dall’antica Grecia al teatro rinascimentale elisabettiano. Dopo una presentazione in PowerPoint per introdurre il progetto e per recuperare le informazioni che gli studenti possedavano già sull’Iliade è stata introdotta la figura dell’eroe/mito e del vocabolario specifico, passando da "Il Filostrato" di Boccaccio a "Troilus and Criseyde" di Chaucer e all'analisi di cinque atti della tragedia di Shakespeare visti con gli occhi di Aristotele.