" La buona scuola siamo noi!"

 
logo Fondazione Cassa di Risparmio di ASTI
Con le attività del progetto realizzato con il supporto finanziario della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti,   si sono attuate iniziative finalizzate a  favorire l’inserimento, l’accoglienza e  un adeguato supporto  scolastico agli alunni in situazione di svantaggio culturale e sociale e /o con Bisogni Educativi Speciali (B.E.S.), a rischio di insuccesso scolastico e formativo

 
Attività  realizzate  nell’ambito del  progetto

 Come previsto dal progetto, le attività  si sono sviluppate in quattro direzioni:

a.      Interventi  a supporto di studenti, famiglie e docenti;
b.      Interventi previsti per il recupero delle abilità di base per il raggiungimento di competenze minime da parte di tutti gli alunni;
c.       Interventi previsti per  l’integrazione   attraverso esperienze significative  e motivanti;
d.      Percorsi formativi per i docenti.
  A)Interventi  a supporto di studenti, famiglie e docenti

A supporto di famiglie ed insegnanti, al fine di superare gli scogli relazionali ed instaurare un buon clima nella locandina Servizio psicopedagogicoscuola è  stato attivato  il servizio di consulenza psicopedagogica per docenti e genitori Tale servizio, affidato alla dott.essa Silvana Alessandria,  viene offerto su appuntamento ed è volto a risolvere le problematiche relazionali tra genitori e figli, insegnanti e genitori, alunni e docenti.  Esso offre agli insegnanti consulenza e collaborazione nella predisposizione dei percorsi individualizzati e nell’individuazione delle situazioni di disagio. Hanno avuto accesso  genitori (14 casi con una media di 3 sedute ciascuno)  e docenti.
Per l’identificazione ed il trattamento precoce dei disturbi specifici di apprendimento  sono stati somministrati test ( prove MT ) di valutazione della lettura scrittura e comprensione del testo a 76 alunni di classe seconda. Il risultati del test , affidato alla logopedista Monica  Patrucco,  è stato  comunicato a genitori ed insegnanti i quali hanno progettato e realizzato attività di consolidamento e rinforzo; in caso di persistenza della carenza è stato consigliato alla famiglia un approfondimento diagnostico presso l’ASL.

 Presso la Scuola Primaria di Portacomaro  i docenti hanno  attivato uno Sportello di ascolto per soddisfare il bisogno sempre più crescente dei ragazzi di manifestare i loro disagi e le loro problematiche, che non sempre è possibile esternare ai familiari, sia per i loro numerosi impegni lavorativi extradomestici, sia per il pudore che spesso impedisce ai ragazzi di confidarsi con le persone conviventi. Lo sportello ha avuto notevole successo contribuendo a migliorare il clima relazionale delle classi.

 B)Interventi per il recupero delle abilità di base per il raggiungimento di competenze minime da parte di tutti gli alunni

 Gli alunni in difficoltà di apprendimento  hanno potuto usufruire dell’opportunità di frequentare laboratori di recupero svolti in orario extrascolastico a piccolo gruppo. Sono stati condotti  con l’utilizzo di strategie didattiche  che puntano all’autonomia e alla consapevolezza ricorrendo  a  percorsi metacognitivi e all’uso di strumenti multimediali con software specifici. In particolare: sono stati realizzati:
  percorsi di prima alfabetizzazione per alunni stranieri neo-arrivati in Italia, per sopperire alle prime difficoltà nell’uso della lingua italiana, nei plessi scolastici di Scuola Primaria e Scuola Secondaria di I grado di Rocchetta Tanaro  e Scuola Secondaria di I grado di Refrancore;
   percorso “il nome della cosa”: potenziamento della lingua italiana come seconda lingua,  rivolto  ad alunni delle classi dalla prima alla quinta, nati in famiglie in cui l’italiano è semplicemente lingua di contatto per i genitori. Per i bambini con alle spalle un anno o due di scolarizzazione italiana l’obiettivo è stato quello di fornire strumenti linguistici per denominare e quindi comunicare esperienze già interiorizzate nella lingua madre, che costituisce comunque il filtro di comunicazione dominante nella cerchia familiare. Il corso comprendeva 3 moduli di venti ore ciascuno in cui i temi descrittivo-narrativi (la persona fisica- la casa- familiari e amici- gli animali domestici-il cibo- i passatempi e lo sport- l’abbigliamento- le materie scolastiche) sono stati utilizzati come filo conduttore per ampliare il lessico e apprendere strutture di significato;
·        laboratorio di lettura animata, tenuto da Milena Audenino, docente e  scrittrice, rivolto alle classi terza e quarta  della scuola primaria di Castello di Annone  e   dai docenti di classe in orario aggiuntivo pomeridiano per gli alunni della Scuola  Primaria di Portacomaro. Al termine è stata realizzata la rassegna “ La parola è Narrare” ( articolo questo sito ) 

  C)Interventi previsti per  l’integrazione   attraverso esperienze significative  e motivanti
 Sono stati organizzati laboratori espressivi, interculturali ed interdisciplinari . Il lavoro svolto nel gruppo,  finalizzato alla realizzazione di un prodotto unico per tutti, ha offerto  moltissime occasioni per “vivere” sulla propria pelle e introiettare  le fondamentali regole del vivere comune. Si è assistito ad un innalzamento dell’autostima e della motivazione con ricadute positive sul rendimento scolastico generale. Laboratori realizzati:

 §  laboratorio musicale,”Musica Maestro” con la conduzione di Paola Bortoluzzi della Casa degli Alfieri, presso la Scuola Primaria di Refrancore  e la  Scuola Primaria di Portacomaro. Cincerto di Natale diretto da Paola Bortoluzzi§   laboratorio musicalela Nostra fabbrica di dolcezze “ presso la Scuola dell’Infanzia di Rocchetta Tanaro condotto dall’esperta Iolanda  Rega. I laboratori si sono conclusi  con la presentazione ai genitori di brevi recital;

§   laboratorio espressivo-teatrale in orario extrascolastico con produzione di  spettacoli teatrali presso le Scuole Secondarie di I grado di Refrancore, Rocchetta Tanaro e la scuola primaria di Castello di Annone. Al termine dell’anno è stata  allestita la  rassegna “ Chi è di scena?” con la presentazione  di tutti gli spettacoli teatrali e musicali realizzati dagli alunni presso il salone “Fattoria Roceta” a Rocchetta Tanaro;
§  laboratorio di psicomotricità, svolto da esperti pscicomotricisti dell’Associazione SIVA e da EriKa Guarino, con gli alunni di 5 anni della Scuole dell’Infanzia di Portacomaro e di Rocchetta, con le classi prime, seconde e terze  della Scuola Primaria di Portacomaro.(foto)
 
§  Con le stesse finalità gli alunni di classe I-II-III della scuola primaria di Rocchetta Tanaro hanno seguito  un percorso di educazione al ritmo “Siamo in tempo“ condotto dall’esperto Marcello Chiabrero; Siamo in tempo!

 §   percorsi laboratoriali di educazione linguistica e logico-matematica per stimolare la curiosità, l’interesse ed il piacere delle scoperte in tali ambiti, al fine di acquisire fiducia nelle proprie capacità (Scuole dell’Infanzia di Castello di Annone e Portacomaro);

§   scambio culturale tra le Scuole Secondarie  di I grado “Arnaldo Maggiora Vergano” di Refrancore  e” Fagnano”di Rocchetta Tanaro  con il Collège “G. Vento” di Mentone;  (articolo) Il gemellaggio col Collège “Vento” di Menton compie 7 anni!

§  percorsi laboratoriali di educazione linguistica e logico-matematica  e scientifica per stimolare la curiosità, l’interesse ed il piacere delle scoperte in tali ambiti, al fine di acquisire fiducia nelle proprie capacità presso tutte le scuole primarie e secondarie dell’istituto. A fine anno le attività scientifiche realizzate sono state presentate nell’ambito della “Festa della Scienza” dell’Istituto ( Refrancore – 6 giugno 2015)( articolo)
Festa della Scienza - 6 giugno 2015


§  un laboratorio artistico, tenuto dalla Prof.Novello Carla, un pomeriggio la settimana in orario aggiuntivo, per dare agli allievi la consapevolezza del loro processo formativo, verificando in modo diretto i momenti della loro evoluzione nell’uso delle immagini come linguaggio e come mezzo espressivo (Scuola Secondaria di I grado di Portacomaro);

  §  percorsi di continuità educativo-didattica tra i vari ordini di scuola attivati in tutti i plessi scolastici dell’istituto, durante le normali ore di lezione.PROGETTO CONTINUITA' - Progetto Continuità

PERCORSI FORMATIVI PER I DOCENTI:
E’ stato realizzato un approfondimento sui disturbi specifici di apprendimento, in particolare sulle sindromi da deficit di attenzione con lo scopo di offrire ai  partecipanti strategie educative e didattiche di gestione delle difficoltà che si presentano sia per il soggetto che per il gruppo classe.  Formatori: Dott.sse Floriana Princi e Ombretta Veneziani.
http://www.icrocchetta.org/index.php?option=com_content&view=article&id=546:materiali-del-corso-di-formazione-sui-disturbi-dell-attenzione-de-dell-iperattivita-2014-2015&catid=197&Itemid=367