SMS REFRANCORE - Una giornata a Torino, tra Medioevo, mass media e cinema

E’stata per tutti gli allievi della scuola secondaria di I grado di Refrancore una giornata piena di stimoli e di esperienze davvero interessanti quella del 13 novembre scorso.

Durante la mattina, divisi in tre gruppi, i ragazzi hanno sperimentato tre percorsi:

le classi prime hanno realizzato un vero e proprio viaggio nel tempo e nello spazio presso il Borgo Medioevale di Torino: grazie alla capacità di coinvolgimento della guida, è stato possibile conoscere le architetture tipiche del periodo (benché il complesso sia stato realizzato nel 1884), i modi di vita, gli usi e le abitudini di un borgo del '400. I ragazzi sono poi stati coinvolti attivamente nella bottega di un fabbro, dove hanno coniato una moneta e hanno forgiato una fibula.

Le classi seconde hanno invece visitato gli studi della Rai di Via Verdi, accolti addirittura dalla vice direttrice Rai Ragazzi (Dott.ssa Mussi Bollini), promotrice del progetto “Porte aperte alla Rai”: dopo una visita guidata al Museo della Rai (partendo dall’osservazione dei primi mezzi di telecomunicazione), i ragazzi hanno conosciuto gli studi televisivi dai quali vengono trasmessi noti programmi (“Bumbi”, “Amore criminale”, il TGR, ecc.), oltre alla sala regia, l’attrezzeria, la sartoria, il magazzino delle scenografie… per concludere con la visione di un “Carosello”.

Per la classe terza, una mattinata presso la Redazione della Stampa, dove, dopo la visita del Museo e dei vari spazi della Redazione, i ragazzi si sono trasformati in veri e propri giornalisti, sperimentando in prima persona i tempi del giornale, il linguaggio giornalistico (le cinque “w”), le parti di una pagina (titolo, occhiello, ecc…), le fasi del lavoro del giornalista, dall’acquisizione della notizia alla verifica della stessa, alla stesura del testo… ; divisi in sottogruppi di redazione, gli alunni hanno provato a scrivere un articolo su una notizia fornita.

Nel pomeriggio, tutte le classi si sono ritrovate al Museo Nazionale del Cinema, nella Mole Antonelliana, e, divisi in 4 gruppi, hanno vissuto quattro bellissime esperienze laboratoriali:

i ragazzi delle classi prime, novelli “Registi refrancoresi” sono stati coinvolti nel laboratorio “Muovi, scatta, anima!”, rivelandosi abili autori, sotto la guida attenta di un esperto del Museo, di un simpatico cartone animato;

La classe II A ha invece sperimentato il percorso “Alla ricerca del set perduto”, un divertente gioco di ruolo in cui hanno scoperto i componenti necessari alla progettazione e produzione di un film, tra segreti del mestieri e celebri personaggi cinematografici;

La classe II B ha messo in pratica le regole del linguaggio cinematografico, girando la sequenza di un film a partire da uno storyboard; durante il laboratorio “Come parla un film?”, i ragazzi si sono trasformati in regista, segretaria di produzione, costumista, truccatore, suggeritore, attori.. vivendo l’esperienza di un vero set cinematografico, fino al montaggio finale delle scene.

Infine, per la classe III, un entusiasmante percorso guidato (“Dal teatro d’ombre ai fratelli Lumière”) attraverso la storia degli spettacoli e dei dispositivi ottici prima del cinema: il teatro d’ombre, il mondo nuovo, le lanterne magiche e la fantasmagoria, il teatro ottico, fino al cinematografo.

Tante esperienze coinvolgenti e stimolanti, sicuramente un importante momento di Cultura, quella vera, quella che rimarrà per sempre nel bagaglio dei nostri ragazzi.